Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. LEGGI L'INFORMATIVA ESTESA

Approvo
separatore

SANFLORIANO mappa01

Gli animalli della fattoria

La Pecora Apagota E’ una percora originaria dell’alpago (Belluno) molto rustica e frugale, adatta al pascolo soprattutto in alta montagna. Questa pecora si trova la parco e in poche altre località per cui è considerata come animale  in via d’estinzione.

I Maiali Utimi arrivati al parco, sono allevati in maniera biologica. Trovano la giusta collocazione alle pendici del bosco sfruttando il cibo naturale fornito dalle abbondanti ghiande di farnia e rovere.

Il Cavallo Bardigiano E’ un cavallo adatto alla montagna, resistente, con gambe forti e carattere tranquillo di carattere dolce e fiero. La sua origine è antichissima ed è chiamato bardigiano  perché viene dal paese dei Bardi in provincia di Parma. Nel parco sono presenti alcuni esemplari che pascolano liberamente.

L’asino comune siciliano Questo animale di piccola taglia è rustico, frugale e resistente. E’ un’animale utilizzato per il lavoro agricolo e ha origini antichissime. Al parco ne esistono tre esemplari che pur vivendo liberi sono socievoli e amanti della compagnia.

La Vacca Pezzata Rossa Friulana E’ una razza creata nel 1880 tipica del territorio friulano, si adatta facilmente ai diversi ambienti, è mite e di spiccato senso materno. E’ una razza duttile perché adatta a produrre latte, carne, ma anche utile come animale da lavoro. Ora è in estinzione, e i pochi animali presenti si trovano al Parco e in un altro allevamento locale.

I conigli ariete pelo lungo sono dei simpatici coniglietti che sono stati adottati dal Parco perché abbandonati. Questa razza è considerata “da compagnia” ma si adatta bene anche a vivere all’aperto.

Pavone Il pavone è allevato oltre che per la bellezza del suo piumaggio anche per le carni. Si tratta di un volatile facile da allevare poichè il suo comportamento in cattività è simile a quello delle galline.

Gli Animali selvatici

Cinciallegra E’ riconoscibile per le parti superiori grigio-verdastre e inferiori gialle attraversate da una striscia longitudinale nera e le guance bianche, mentre nuca, gola e lati del collo sono di colore nero lucido. E’ un uccello insettivoro quindi utilissimo per l’agricoltura e per l’ambiente. Nel parco trova il suo habitat ideale: ha perfino fatto il suo nido nella cassetta delle lettere!

Il picchio muratore Ha un piumaggio vivace, grigio-blu sul capo, dorso, ali e coda, l'addome è di color arancio e le guance e la gola bianche. La particolarità del picchio muratore consiste nell'arrampicarsi (anche a testa ingiù) sui tronchi degli alberi con rapide corse a spirale, aiutandosi con la coda. E’ un uccello insettivoro che ama vivere fra i frutteti ed è utilissimo per il controllo degli insetti dannosi.

Il cinghiale E’ un animale selvatico, che vive e si nasconde nel bosco e che razzola nel parco di sera e di notte quando non è osservato, mentre di giorno stà in buche poco profonde che si scava nella terra. Il loro aspetto minaccioso è dato dalle piccole zanne che utilizzano per trovare il cibo nel bosco, e dal pelo irsuto che lo aiuta a proteggersi d’inverno. Ama rotolarsi nel fango (per questo spesso smuove il terreno) perché lo aiuta a mantenere la pelle protetta dai parassiti e favorisce la cicatrizzazione delle piccole ferite che si procura nel sottobosco.

Il capriolo E’ un cervide di piccole dimensioni, è un animale timido e riservato per cui è difficile vederlo, tuttavia si può intuire il suo passaggio dalle tracce degli zoccoli o dalle feci che lascia nel bosco. I maschi hanno dei piccoli palchi (corna), che cadono da ottobre a dicembre e a volte si trovano lungo i sentieri.